TEFF, un cibo moderno quanto antico …

teff

TEFF, un cibo moderno quanto antico …

Da tutte le parti si sente parlare di Teff, il granello antico diventato alla moda, assunto nelle diete di personaggi famosi nel mondo dello spettacolo e dello sport, come Gwenyth Paltrow e Novak Djokovic.

Ma perché mangiare teff? E come prepararlo?

Riguardo al perché, possiamo essere facilmente convinti vedendo arrivare nelle corse di atletica a lunga distanza, 5000 e 10000 metri, e soprattutto nella maratona, tra i vincitori gara dopo gara atleti apparentemente stremenziti e gracili di nazioni del Corno dell’Africa – Etiopia, Somalia, Eritrea, Kenya – che però hanno un’abilità quasi sovrumana di macinare miglio dopo miglio, lasciando nella polvere i loro avversari occidentali.

Qual’è il segreto del loro regime alimentare?

Cereali come il Teff, perchè il segreto stà nell’assumere carboidrati a lento rilascio. Si, è così, non tutti i carboidrati nascono uguali tra loro. A differenza dei cosiddetti carboidrati raffinati, il Teff fornisce carbodrati complessi a lento rilascio, per mantenere una flora intestinale equilibrata e livelli di energia superlativi!

Per i super atleti, vuol dire avere risorse ‘nascoste’ di energia proprio quando servono – negli ultimi chilometri di una maratona, oppure in un match di tennis interminabile di 5 ore.

Per noi altri comuni mortali, i carboidrati a lento rilascio ci aiutano a mantenere i nostri livelli di zucchero nel sangue stabili tra un pasto e l’altro, così da sentirci più sazi e meno disposti ad ingolfarci di zuccheri veloci durante il giorno. Così possiamo raggiungere e mantenere un peso corporeo sano e prevenire le malattie croniche.

Come tanti grani antichi, non geneticamente modificati, il teff è ricco di fibre proteiche – il che fa bene al nostro intestino tenue – con un ricco apporto di vitamine e minerali.

teff-super-food

Ma quanto antico è il Teff?

Basti pensare che ne è stato trovato nelle tombe di faraoni … E in Italia? Ebbene, il suo nome biologico eragrostis tef gli è stato attribuito fine ‘700 da un medico fiorentino, Attilio Zuccagni.

Si, un’italiano! Presentando la sua Dissertazione Concernante L’Istoria di una Pianta d’Abissinia, Conosciuta sotto il Nome di Tef all’Accademia dei Georgofili di Firenze nel lontano 1774, Zuccagni faceva notare i tanti benefici per i popoli che coltivano quella insolita pianta venuta dall’Africa, per la quale dopo la semina “alla rinfusa,” lo sviluppo può essere lasciato “alla prodiga natura, la quale oltremodo si dimostra con essi benefica, procurando loro in ciascun anno una doppia o triplicata raccolta di questa biada.”

Senza pensare agli aspetti nutrizionali, Zuccagni sperimentò con colture diverse proprio in Toscana, e aveva individuato una possibile alternativa al fumento: “… e spargete pure nei cigli delle vostre Possessioni i minutissimi semi di questa Pianta; cercate in somma di moltiplicarla, e di renderla comune appresso di noi, per poterne quindi far uso unitamente ad altre semenze panizzabili, qualora la mancanza del Grano ci obbligasse a far ricerca dei succedanei del medisimo.”

Quindi visionario o semplice intrepide biologo?

Quasi fosse una visione profetica, Zuccagni esordisce i suoi colleghi Accademici, “… ma le continue, e ripetute esperienze ci faranno forse conoscere in questa Pianta qualche altra prerogativa, per la quale ella si rende vie più degna di essere da Voi coltivata.”

Ecco che il Teff assume dunque una posizione preminente tra i cibi moderni, rientrando proprio per le sue tante proprietà benefiche tra le fonti di cibo più adatte a mantenere un’equilibrio fisico sano e dinamico.

Come nazione leader nell’alimentazione e nel creare tendenze che portano riconoscimenti alla nostra grande creatività, l’Italia parte già avvantaggiata per promuovere questo super cereale antico … ma moderno! In Italia esistono le basi per creare prodotti nuovi ed eccellenti, partendo da qualunque ingrediente di base. Con maestranze ed eccellenze che spaziano dall’ingegnoosità nell’agricoltura, nella cucina e nella progettazione di macchinari moderni per la trasformazione e produzione, l’Italia si trova nuovamente in una posizione invidiabile per cogliere appieno le tante opportunità offerte da cibi antichi ma moderni come il Teff.

teff-heaven

Risorse: articolo scritto da Antonio Battista titolare della Teff Heaven http://www.teffheaven.com/

DOWNLOAD EBOOK GRATUITO

Ebook cibo e marketing

clicca sul libro per lasciare l’email e scaricarlo

Condividi queste informazioni
Condividi queste informazioni
Written By

Cibo e marketing è il blog dove il cibo diventa business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − due =